Vini fermi, spumanti e piatti tipici: le specialità del Trentino Alto Adige

trentino sito

Continuiamo il viaggio alla scoperta dei vini e dei cibi delle regioni italiane. Questa volta facciamo tappa in Trentino-Alto Adige, una regione prevalentemente montuosa di poco meno di 14.000 kmq, costituita dalle province autonome di Trento (Trentino) e Bolzano (Alto Adige).Nonostante inquesta zona siano coltivati molte varietà “internazionali” (come Merlot e Cabernet Sauvignon), ci sono anche tante varietàautoctone come Teroldego, Schiava,Lagrein e Nosiola.

In Trentino sono tre vitigni autoctoni a bacca nera di riferimento dai quali si ottengono gli omonimi vini: il Marzemino nella zona a sud di Trento, il Teroldego nella piana Rotaliana a nord di Trento e la Schiava (nelle varianti Schiava grigia, Schiava grossa e Schiava gentile).Vicino al confine con la provincia di Verona è diffuso anche l’Enantio da cui si ottiene un delizioso vino rosso fermo.

Nella zona di Trento sono anche presenti il Pinot Grigio, il Pinot Nero e il Cabernet. Tra i vitigni a bacca bianca più coltivati troviamo sia vitigni internazionali (Chardonnay e Pinot Bianco), che insieme al Pinot Nero sono impiegati nella produzione dello spumante metodo classico Trento DOC, sia quelli autoctoni come la Nosiola. Quest’ultima è l’uva autoctona a bacca bianca più celebre del Trentino; nella Valle dei Laghi si utilizza per produrre ottimi vini bianchi secchi, oltre al famoso passito Vino Santo, da non confondere con il Vin Santo toscano; per produrlo i grappoli di Nosiola sono fatti appassire dopo la vendemmia fino al periodo di Pasqua, il mosto viene fatto poi fermentare in piccole botti di legno e lasciato maturare per diversi anni, dando vita a un vino dolce corposo, ricco e molto piacevole.Altri vitigni bianchi che troviamo sia qui che in Alto-Adige sono, per esempio, il Gewurztraminer, il Muller Thurgau e il Kerner.

In Alto Adige tra i vitigni autoctoni a bacca nera troviamo, come in Trentino, la Schiava (in tedesco “Vernatsch”), ma anche il Lagrein, entrambi utilizzati per produrre vini sia rossi che rosati. Tra gli internazionali spicca il Pinot Nero, che ha trovato in questa zona uno dei territori più vocati. Tra le uve a bacca bianca ricordiamo il Gewürztraminer, in origine proveniente per l’appunto dalla zona di Termeno (Tramin) e oggi diffuso anche in Trentino, mentre a nord di Bolzano viene coltivato anche il Kerner già menzionato e il Sylvaner. Sono diffusi, inoltre, il Moscato Rosa e il Moscato Giallo (Rosenmuskateller e Goldmuskateller), il primo in forma di vini dolci e il secondo prodotto sia in versione dolce che secca.

Le due province che compongono il Trentino-Alto Adige, anche se divise sotto l’aspetto linguistico, hanno molto in comune in termini di tradizioni e cultura, anche a livello enogastronomico. Nella cucina di questa regione si possono trovare tre alimenti che ricoprono un ruolo da protagonisti in quasi tutti i piatti della tradizione: mele, speck e polenta (quest’ultima solo nella provincia di Trento). La polenta viene preparata con farine diverse a seconda della zona di provenienza: in Val di Non, ad esempio, viene preparata con farina gialla di mais mescolata a farina di grano saraceno.

Molti piatti tradizionali si rifanno alla cucina tedesca o austriaca come i canederli (Knödel), da abbinare ad un calice di Lagrein, e i crauti (Sauerkraut). Anche i funghi, facilmente reperibili nei boschi della regione, sono un ingrediente che ricorre in molti piatti tradizionali di questa regione.Il pesce, abbondante nei laghi e nei fiumi del territorio, viene adoperato per preparare svariati piatti come le trote alla trentina – rosolate e condite con salsa di limone, menta e uvetta- servite con un buon Muller Thurgau. Sono numerose anche le ricette a base di selvaggina, come la lepre e il capriolo, cucinati in vari modi tra cui il famoso spezzatino da provare con un calice di Pinot Nero. Passando ai dolci, sicuramente si devono assaggiare lo Strudel, pasta sfoglia ripiena di mele, uvetta e pinoli, rosolata nel burro, spolverata di cannella e servito con un calice di Vino Santo, e i Krapfen alla marmellata o alla crema.

Nella nostra enoteca potete trovare un’ampia scelta di vini del Trentino-Alto Adige: per qualsiasi domanda chiamaci al numero 0350401452 oppure scrivici un’e-mail a info@enotecagaudes.it

In foto alcuni vigneti nella zona vicino Trento.